Buona fine e buon inizio

Pubblicato il 27 Dicembre 2013

Esistono dei rituali nella comunicazione umana, conversazioni che non possono mancare, puntualizzazioni che si ripetono, ossessivamente, sempre uguali.

Non sopporto più questo freddo. Non sopporto più questo caldo. Ma non smette mai di piovere?! Finalmente la pioggia (firmato: il contadino, N.d.R.). C’è la neve, stupendo!! C’è la neve..che pppalle! In un attimo è Natale. Quanto manca a Ferragosto?

La domanda che nasce spontanea davanti a queste interessanti osservazioni è: ma perchè?! La verità è che sono tutte potentissime formule per scongiurare l’apocalisse. Non c’è altra spiegazione.

I social network hanno permesso di far arrivare questi pensieri profondissimi, in un attimo, a centinaia, a volte migliaia, di persone. Parte uno ed è fatta. Tra commenti e condivisioni, la magia è immediatamente diffusa. La fine del mondo è più lontana, meno male.

Uno dei miei preferiti però è il rituale che si ripete identico ogni fine anno.

XXXX, che anno di merda! Meno male che sta per finire.

Eccola, la formula suprema. Quella che i Maya ci hanno messo tutto un calendario per esprimere (il 2012, che anno di merda! dissero i Maya). L'ho sentito dire per il 1984, per il 1996, per il 2000, sempre.

Solitamente il rituale viene fatto iniziare intorno a Natale, a volte poco dopo. Il culmine è raggiunto a capodanno, col brindisi di rito che lascia un po’ di amaro: brindiamo alla fine di quest’anno di merda! OOOh che positività.

I pianeti a questo punto si riallineano, i vulcani tacciono, le maree si ritirano. La Terra è salva.

Ecco, la verità è che a me ogni anno girano le balle. Ogni volta che sento il  lamento generalizzato mi viene un picco pressorio. D’accordo, a volte la vita è dura. A volte, per qualcuno, è persino SERIAMENTE dura, ma cosa vuol dire che un anno è un anno di merda?! 365 giorni di merda. Tutti. Tutto l’anno. Ma se è così c’è un problema, eh. Non è il calendario. C’è un problema serio. Niente da salvare in un anno. E chi dice che una volta finito non sia di merda anche Gennaio! A questo non ci pensa nessuno! Allora io dico, se la vita è dura perché è l’anno che ha tutta la colpa, almeno facciamo un bel sabba, no?! Balliamo, dimeniamoci, sgozziamo un capretto alla mezzanotte del 31 dicembre. Perché quello almeno avrebbe un senso. Invece no, è la pulsione irrefrenabile allo sconforto. Eddai! Ripensateci! Povero 2013, davvero non ne è venuto fuori niente di buono?? Niente niente.

No. Comunque tu sia andato, qualsiasi lato positivo tu abbia avuto, caro anno stai finendo. Via! Vecchio e usato. Via! Sei stato una merda. Mica figo come il prossimo. Tutto nuovo, tutto pieno di doni, tutto pulitino e affascinante. Eccomi 2014!! Benvenuto!!!Ci metto subito il piede dentro nell’anno nuovo. Con foga!

Oh no. Mi sa che ho pestato qualcosa..

Cretina

Scritto da Cretina

Con tag #Cretina

Repost 0
Per essere informato degli ultimi articoli, iscriviti:
Commenta il post