CS - Cretina Senior - Parte 2

Pubblicato il 5 Febbraio 2014

Vi avevamo promesso un seguito e non possiamo deludervi. Del resto abbiamo ancora talmente tante cose da dire su Cretina Senior..

Almeno una trilogia verrà fuori, che poi va tanto di moda. E dopo qualche tempo un prologo, magari. E uno spin-off. E poi ci sarà la storia del figlio di Cretina Senior. Vabe', mi sa che ci fermiamo prima.. Il perchè ve lo spiegano qui sotto Cretino e Cretina.

CS e l'omosessualità (by Cretino)

Anna vorrebbe essere gay, non lesbica, ma proprio un uomo gay. Così non si sentirebbe esclusa al lavoro, a casa, dagli amici, nei locali.. Come già dissi in passato, è la Re Mida dell'omosessualità: tutto ciò che tocca diventa gay. Compresi i fidanzati.

Lavora nell'arredamento circondata da “creativi”, vive a Milano nei pressi dell'area C (dove C sta per culo) e frequenta quasi esclusivamente locali alla “moda” perché sono i più divertenti. Il risultato è che non batte chiodo dagli anni '80.

“Tutti froci! Sono tutti froci!! Basta non ne posso più!!!”, poi a pranzo si trova con un amico gay a fare quattro chiacchiere, finito di lavorare un bell'aperitivo nel locale gay-friendly della zona e a cena con una coppia di amici omosessuali in una pizzeria gestita da gay. Dopocena, finalmente, al cinema con due amiche etero al Festival internazionale del cinema gaylesbico e queer culture.

Adesso ha preso casa sui Navigli, all'inizio sembrava una zona non battuta dagli omosessuali ma da quando ha preso la residenza sembra che persino le nutrie abbiano iniziato ad accoppiarsi solo tra maschi.

Ultimamente ha diversificato le sue amicizie con donne lesbiche, gettando lo scompiglio nell'ambito lesbo-milanese. Sembra che orde di lesbiche imbizzarrite stiano migrando a ovest. Continua a non battere chiodo.

CS e l'estetica (by Cretina)

Qui si apre un capitolo ENORME. Anna ha un senso estetico superiore alla media. Nel senso che viene turbata da qualsiasi cosa non si avvicini al suo gusto e la media delle persone non ha gusto. Non il suo comunque. Il problema è che avendo anche una favella eccessiva non si trattiene dal rendere noto il suo punto di vista. Generalmente il suo punto di vista si riassume nella frase "E' una merda".

In molte occasioni abbiamo cercato di farle notare che non sempre i gusti sono uguali per tutti e che certe espressioni vanno dosate, o quanto meno limitate ad un punto di vista personale. Pare che finalmente abbia capito e ora si esprime con un più cortese:"secondo me, è una merda."

Queste opinioni vengono espresse da Anna sui più svariati temi: abbigliamento, arredamento, fidanzati (degli altri), decorazioni, inviti a nozze, parenti, amici, ecc.

A sua discolpa posso dire che spesso lei non vorrebbe proprio dirlo, ma persone poco savie le chiedono:"cosa ne pensi?". Dovrebbero sapere già cosa ne pensa. L'hanno scelto con lei? no. Allora è una merda.

Anche l'aspetto delle persone è motivo di fastidio estetico per Anna. Per esempio un giorno ho fatto la follia di indossare una maglia a righe orizzontali. Ho forse una 36 di taglia? NO. E allora, non potevo arrivare a capire che su di me la riga orizzontale è una merda?! Per fortuna ultimamente ho perso parte dei miei kili in eccesso (parte eh) e questo ha tranquillizzato un po' Anna, che pensa con soddisfazione di avermi convinta a buttarmi sul disturbo alimentare. Una volta mi anche minacciato, dicendo che non sarebbe mai venuta in vacanza con me finchè non avessi perso peso. Non ricordo quando le avessi chiesto di venire in vacanza con me, in ogni caso lei ha giustamente prevenuto una domanda imbecille.

Il senso estetico di Anna è quello che l'ha portata a impiegare circa 366 giorni a selezionare una casa dove abitare. Ma di questo parleremo poi.

TO BE CONTINUED....

 

#2cretini #cretina #cretino   

 

 

 

Scritto da Cretina e Cretino

Con tag #Cretino, #Cretina

Repost 0
Commenta il post