Cretino ripieno

Pubblicato il 29 Gennaio 2014

Finalmente anch'io posto la fotografia di un piatto cucinato da me medesimo io stesso! Ho fatto le zucchine ripiene. Ta daaaaaah! Quindi da oggi sono ufficialmente chef.
La mia prima volta in cucina, che emozione. Non nella mia cucina ovviamente, poi avrei dovuto pulire e non sono mica matto, e soprattutto non so usare il forno di casa mia che da sempre è rilegato al ruolo di “cassetto per i sacchetti di plastica/borse per la spesa”.
Oggi il blog si chiamerà Cretino Zafferano e vi darò la mia personalissima ricetta per delle ottime zucchine ripiene. Guardare Masterchef mi ha dato alla testa, ogni volta che MDM (la mia dolce metà) mi prepara qualche manicaretto prima di tutto la fisso intensamente negli occhi, poi faccio una smorfia, assaggio, alzo gli occhi al cielo e per ultimo commento: “Ma l'impiattamento è proprio triste”. Come mi piace rompere le palle al prossimo, non ne avete idea! Nelle ultime settimane ho anche iniziate a guardare Nigella su Real Time, quella che ha il girovita dello Sputnik. La amo follemente. Mentre cucina trangugia di tutto, orgogliosa dei suoi disturbi alimentari, i piatti di portata arrivano miseramente vuoti ai commensali perché lei è l'incarnazione di un tritarifiuti industriale.
All'inizio avevo cercato delle ricette online ma indicavano degli ingredienti troppo esotici per la mia dispensa: carne trita, prezzemolo, pangrattato.. per cui alla fine ho fatto di testa mia.
La prima cosa che ho scoperto è che in natura non esistono le zucchine ripiene. Io le ho sempre viste già pronte e pensavo che gli Umpa Lumpa dell'Esselunga le cogliessero dall'albero così. Dalla regia mi dicono che le zucchine non crescono sugli alberi ma questo poco importa.
La ricetta è per due persone. Prendete 12 zucchine, sembrano tante ma metà le butterete perché le taglierete storte, cercate di tagliarle in due parti uguali per la lunga. Poi mettete sotto l'acqua fredda il dito insanguinato che inaspettatamente vi sarete recisi. Asciugate il sangue in eccesso dalle zucchine e aiutandovi con un cucchiaino iniziate a svuotarle dal contenuto. Raccogliete da terra tutti i pezzi che vi saranno caduti soffiandoci sopra per togliere polvere e germi.
In una terrina a parte mettete mozzarella tagliata a cubetti e dei pomodorini freschi tagliati sottili. In alternativa della polpa di pomodoro confezionata che è meno sbattimento. C'è gente che lavora sodo per preparare le confezioni di polpa pronta, sarebbe irrispettoso nei loro confronti utilizzare dei prodotti freschi. Aggiungete delle olive. Sale e pepe ac (a cazzo). Mescolate il tutto e poi togliete le olive perché vi sarete accorti che hanno il nocciolo. Aggiungete del tonno e del parmigiano grattugiato, quello in busta ovviamente, ricordatevi sempre degli Umpa Lumpa che lo hanno grattugiato appositamente per voi. L'ideale sarebbe metterci dei cubetti di pancetta perché la pancetta vi risolleva qualunque piatto, poi da quando ho scoperto che la si può anche caramellare è diventata il mio alimento preferito. Mescolate il tutto e poi riempite le zucchine. Un paio si spezzeranno nelle vostre mani schizzando ripieno un po' ovunque: sul cactus, sul cuscino della poltrona.. ma non preoccupatevi, non siete nella vostra cucina e c'è chi pulirà per voi.
Ungete una teglia e accatastate tutte le zucchine pronte. Schiaffate in forno per 30 minuti a 180°. Mentre aspettate tagliatevi un salamino e apritevi una birra.
Una volta sfornate, un goccio d'olio a crudo e fatele assaggiare al vostro amore, se dopo trenta minuti non ci sono stati segni certi di avvelenamento, buon appetito!

Cretino ripieno

Scritto da Cretino

Con tag #Cretino

Repost 0
Commenta il post